Come affittare case per brevi periodi? Te lo spieghiamo noi

2 Maggio 2024

Come affittare casa per brevi periodi? Finalmente le risposte che stavi cercando per massimizzare il potenziale del tuo immobile sono riunite proprio qui!

 

La locazione breve è diventata una vera e propria tendenza, con un boom di richieste registratesi nel 2023. Un fenomeno destinato non solo a crescere, ma letteralmente a non arrestarsi più. Non solo i proprietari stanno abbracciando questa soluzione, grazie ai notevoli benefici che comporta, ma anche gli inquilini stanno optando sempre di più per essa, attratti dai risparmi economici e dalla flessibilità che offre.

 

Ma cosa sono gli affitti brevi e perché ad oggi sono convenienti, specie per i locatori? Te lo spiega il tuo partner di fiducia: SOGI Gestioni.

 

Cosa sono gli affitti brevi e perché puntarci

 

Gli affitti brevi, disciplinati dall’articolo 4 del Decreto Legge 50/2017, sono contratti di locazione di un’unità immobiliare ad uso abitativo, con una durata inferiore a 30 giorni. Questa opzione offre flessibilità sia ai proprietari che agli inquilini, consentendo soggiorni temporanei senza vincoli a lungo termine. 

 

Si tratta, indubbiamente, di un accordo molto vantaggioso per il locatore.  D’altronde si libera dai vincoli di un affitto tradizionale e può utilizzare l’immobile a suo piacimento, ottenendo, fra l’altro, entrate più consistenti mensilmente. Allo stesso modo, per l’inquilino rappresenta l’opportunità di godere di un alloggio per un periodo limitato, permettendogli di ridurre le spese.

 

Attenzione, però: si è soliti confondere l’affitto breve con la locazione turistica. Ma in cosa si differenziano? Facciamo un po’ di chiarezza.

 

La distinzione tra i due contratti concerne, principalmente, la gamma di servizi offerti e, di conseguenza, gli obblighi specifici imposti ai proprietari o comunque ai gestori dell’immobile in locazione. Quando si parla di locazione turistica, ci si riferisce a un tipo di accordo che coinvolge strutture turistiche ricettive diverse da quelle alberghiere, come le cosiddette “case vacanza”.

 

Dunque nel caso della locazione breve turistica, non è necessariamente richiesta la stipulazione di un contratto d’affitto. Al contrario, il rapporto tra locatore e conduttore –  nel contesto di un affitto breve – deve necessariamente essere regolato da un contratto d’affitto steso in forma scritta.

 

come affittare casa per brevi periodi

I vantaggi di affittare casa per brevi periodi

 

Affittare casa per brevi periodi offre una serie di vantaggi rilevanti, sia per i proprietari che per gli inquilini. Ed ecco che diventa immediatamente una scelta conveniente per entrambe le parti. 

Per i proprietari:

 

  • Massimizzazione del rendimento: gli affitti brevi consentono al proprietario dell’immobile di fruttare anche fino al 50% in più rispetto agli affitti a lungo termine. Questo poiché il prezzo richiesto per gli affitti brevi è più elevato. 

 

  • Flessibilità: con gli affitti brevi, i proprietari possono mantenere una buona flessibilità sulle date disponibili per l’affitto, consentendo loro di utilizzare l’immobile per scopi personali quando lo desiderano.

 

  • Maggiore controllo: gli affitti brevi offrono ai proprietari un controllo più ampio sulla gestione dell’immobile. In questo modo possono monitorare e intervenire più facilmente in caso di eventuali complicazioni.

 

  • Morosità inesistente: dato che gli affittuari sono tenuti a pagare il corrispettivo per l’affitto in anticipo, l’eventualità di inadempienza da parte degli stessi si azzera.

 

  • Minori rischi di occupazione prolungata di affittuari problematici: con gli affitti brevi, i rischi di occupazione prolungata di inquilini problematici sono ridotti, poiché la durata del soggiorno è sempre limitata nel tempo.

 

  • Meno obblighi, meno pressioni: per gli affitti la cui durata è inferiore a 30 giorni, non è richiesta la registrazione del contratto presso l’Agenzia delle Entrate e non si è tenuti a pagare l’Imposta di Registro correlata.

 

Per gli inquilini:

 

  • Privacy: gli affitti brevi offrono agli inquilini maggiore privacy rispetto agli alberghi o ai B&B tradizionali, consentendo loro di godere di un’esperienza più autentica e confortevole.

 

  • Flessibilità: agli inquilini è garantita una certa flessibilità, adattando facilmente la durata del soggiorno alle proprie esigenze e ai propri piani di viaggio.

 

  • Costi: in alcuni casi, gli affitti brevi possono risultare più convenienti, per esempio, delle strutture alberghiere, specialmente per gruppi o famiglie che condividono lo stesso spazio.

 

Come affittare un immobile per brevi periodi?

 

Affittare casa per brevi periodi prevede un iter burocratico ben preciso. Prima di tutto, occorre selezionare la tipologia di contratto adatta alla durata del soggiorno e, quindi, comunicarne i dati alla questura. 

È inoltre importante denunciare i redditi percepiti tramite l’affitto e garantire che l’immobile sia conforme agli standard di abitabilità. Si ricorda, infatti, che l’immobile deve disporre di tutto il necessario per rendere la permanenza dell’inquilino confortevole. 

 

La Normativa di riferimento

 

Come anticipato, a disciplinare gli affitti brevi è l’articolo 4 del Decreto-Legge 24 aprile 2017, n. 50. Secondo quest’ultimo, gli affitti di locazione breve sono contratti con una durata massima di 30 giorni, ad uso abitativo, a cui si può scegliere di applicare la tassazione relativa alla cedolare secca. Da sottolineare la possibilità di scelta, che è sicuramente un grande vantaggio per i proprietari.

Per i soggetti che offrono prestazioni di intermediazione, si prevede la trasmissione dei dati relativi ai contratti stipulati, nonché l’applicazione di una ritenuta del 21% sui canoni

Sempre secondo tale normativa, l’omissione della comunicazione dei dati comporta l’applicazione di precise sanzioni. Tuttavia, è possibile beneficiare di una riduzione del 50% della sanzione nel caso in cui la trasmissione dei dati abbia luogo entro quindici giorni dalla scadenza. 

 

Ma quali informazioni devono essere comunicate? Nel dettaglio:

 

  • dati anagrafici;

 

  • importo lordo dell’affitto;

 

  • indirizzo dell’immobile;

 

  • durata del contratto.

 

Come affittare casa per brevi periodi: le caratteristiche dell’immobile

 

L’immobile, per ritenersi destinato agli affitti brevi, deve rispettare determinati requisiti. Il primo tra tutti è che il contratto di locazione breve si riferisca a unità immobiliari con destinazione residenziale. Tra queste vengono incluse le categorie catastali dall’A/1 fino all’A/11,  ad eccezione però per l’A/10, che riguarda invece gli uffici. 

 

Le altre prerogative sono:

 

  • ogni stanza dell’appartamento deve essere agibile;

 

  • non può mancare la netta separazione tra camera da letto e soggiorno;

 

  • l’altezza dei soffitti – solitamente – non deve essere inferiore ai 2,70 metri;

 

  • i locali dell’immobile devono essere provvisti di finestre;

 

  • la superficie minima per due persone deve obbligatoriamente essere di almeno 38 metri quadrati. Diversa è la situazione per una singola persona, per la quale si prevede un minimo di 28 metri quadrati.

 

Se l’immobile che vuoi affittare rispetta questi requisiti, allora puoi procedere alla stipulazione di contratti di locazione breve. 

 

Come affittare casa per brevi periodi

 

Perché scegliere SOGI Gestioni? Perché non devi pensare a nulla

 

Affittare casa per brevi periodi è certamente una scelta vantaggiosa, sia per i proprietari che per gli inquilini. Tuttavia occuparsi personalmente di questo genere di accordi, può diventare difficoltoso e piuttosto stressante. Ed è qui che interviene SOGI!

 

Siamo una società di gestione affitti brevi e il nostro scopo è valorizzare il tuo immobile e renderlo redditizio. 

 

Affidarsi a professionisti esperti è sinonimo di una gestione efficiente dell’immobile e, soprattutto, di serenità durante tutto il procedimento. 

 

Se stai considerando l’affitto breve di una tua proprietà, non esitare a contattare SOGI Gestioni per un supporto dedicato su misura.

 

 

 

Home Staging Significato: ecco di cosa si tratta

Guest House, cos’è? Tutto quello che devi sapere

Vendita a reddito con contratto locazione: cos’è e perché conviene

analisi gratuita

Analisi Reddittività Immobiliare

VUOI CONOSCERE IL REALE VALORE DEL TUO IMMOBILE 
IN AFFITTO BREVE?

Richiedi ora l’Analisi di Redditività e scopri quanto puoi ottenere dal tuo immobile. SOGI Gestioni si basa sul sistema WIN – WIN, vincere – vincere, il nostro compenso è legato all’incasso del proprietario!

L’analisi di redditività comprende la valutazione dei costi e dei ricavi previsti, identificando le potenziali opportunità di profitto e ottimizzando le risorse disponibili per massimizzare i guadagni.

Per sapere quanto guadagnerai con gli affitti brevi, analizziamo i dati di mercato, le tariffe di affitto locali e le stagionalità, fornendo stime accurate basate su un’attenta ricerca.

Cambiando tipologia di affitto, ci occuperemo noi della gestione delle prenotazioni, della comunicazione con gli ospiti, della manutenzione della proprietà e dell’ottimizzazione delle tariffe di affitto. Non dovrai pensare a nulla!

Scrivici su WhatsApp!
1